lunedì 19 giugno 2017

Festa Multiculturale 2017: siamo al nostro quattordicesimo anno e tu?



 Venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 giugno 
potrai incontrare le donne dell’Associazione, 
scambiare due parole, potremo darci un appuntamento 
per parlare di progetti comuni.

Venite a trovarci al nostro bar!

mercoledì 17 maggio 2017

La Nave di Penelope a Cantiereducare



Dal 22 al 27 maggio a Parma il CantierEducare – Corporeità
20 laboratori formativi gratuiti per operatori e adulti con responsabilità educative
24 esperti di fama nazionale e internazionale coinvolti in conversazioni pubbliche
10 eventi collaterali a cura di associazioni e artisti del territorio parmense e non 


Il festival, a cura della Libera Università dell’Educare (struttura di alta formazione della Coop. Sociale EcoS-Med) con il sostegno della Fondazione Cariparma, torna al Teatro Due di Parma dal 22 al 27 maggio, per la sua seconda edizione. Il tema conduttore del CantierEducare quest’anno è la corporeità, più precisamente le pratiche educative nell’incontro con i corpi in crescita. Che ruolo ha il corpo nelle didattiche e nelle pedagogie? È possibile educare i corpi in crescita senza coccolarli troppo, ignorarli, costringerli o inibirli?

IL PROGRAMMA
L’apertura del CantierEducare è affidata lunedì 22 maggio alle ore 16.30 alla conversazione pubblica Corpi, educazioni e tecnica, con gli interventi del filoso e psicoanalista Miguel Benasayag, in collegamento da Parigi, e dei formatori della LUdE Ivo Lizzola, docente di di Pedagogia Generale e Sociale all’Università di Bergamo, e Mario Schermi, formatore dell’Istituto Centrale di Formazione del Ministero della Giustizia. A seguire, alle 18.00, la performance di teatro forum a cura di Giolli Cooperativa Sociale, dedicata al teatro
dell’oppresso. Per la sezione “dintorni”, gli eventi collaterali del CE17, inaugurazione della mostra fotografica La nave di Penelope – che documenta il progetto teatrale rivolto a donne migranti e native realizzato da Festina Lente Teatro e Associazione Vagamonde – e del video-baule Da aprire solo fra 100 anni, a cura del collettivo artistico torinese auroraMeccanica, con protagonisti gli studenti di prima media dell’Istituto Cottolengo di Torino che immaginano come potrebbe essere la scuola tra 100 anni.

Martedì 23 maggio riflessione generale sul tema Del corpo... affidata, alle 9.00, alla prolusione di Maria Grazia Contini, docente di Pedagogia dell’Infanzia e delle Famiglie all’Università di Bologna. Dalle 10.15 alle 13.00 spazio ai primi cinque laboratori formativi, cui seguirà, alle 15:00, la conversazione pubblica Corpi diversi con: Andrea Canevaro, docente emerito di Pedagogia dell’Ateneo di Bologna; Roberto Cipriani, ordinario di Sociologia Generale all’Università Roma Tre; Laura Dalla Ragione, psichiatra e direttore del Centro Disturbi del Comportamento Alimentare USL Umbria1; Tiziana Tarsia, docente di Politica Sociale all’Università di Messina e membro del collegio formatori della LUdE.
Alle 19.00, per i “dintorni”, presentazione del libro Inchiostro di Caterina Minni, con l’autrice e la psichiatra Laura Dalla Ragione. Il libro è il diario tenuto da Caterina a 14 anni, a tre anni dalla diagnosi di anoressia e dal ricovero. Nel testo fluiscono i suoi pensieri, i suoi ricordi, il suo presente, il suo dolore e infine la sua rinascita.
Alle 21.00, commemorazione del XV anniversario della strage di Capaci con l’incontro Il dovere della memoria, la responsabilità dell’impegno. Insieme a Margherita Asta, referente Memoria di Libera, Luca Ponzi, inviato del Tg3 Emilia Romagna, e Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina, un momento non per ricordare ma per fare memoria. Perché i nomi e i volti delle vittime innocenti della violenza mafiosa continuino a vivere nelle nostre storie e nel nostro impegno quotidiano, monito di speranza e di possibilità di futuro.

Mercoledì 24 maggio focus su Corpo trascurato e corpo curato, a partire dalla prolusione delle 9.00 di Paolo Sorcinelli, docente di Storia Sociale all’Università di Bologna. Dopo i laboratori formativi della seconda parte della mattinata, per la sezione “dintorni”, alle 14.00 è in programma il laboratorio di improvvisazione teatrale dell’associazione culturale Improgramelot.
Alle 15.00 si ricomincia con la conversazione pubblica Nascondimenti e ritrovamenti del corpo in educazione. Intervengono: Franco Cambi, ordinario di Pedagogia generale all’Università di Firenze; Ivano Gamelli, ideatore e primo docente in Italia di pedagogia del corpo; Sergio Tramma, docente di Pedagogia Sociale all’Università degli Studi di Milano-Bicocca e componente del collegio formatori della LUdE.

Giovedì 25 maggio si indaga il tema Corpo violato e corpo amato dalle 9.00 con la prolusione di Sergio Manghi, professore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Parma. A seguire i laboratori formativi, mentre dalle 14.30 va in scena l’esito finale del progetto teatrale Bene o male?…Dipende!, dedicato ai comportamenti a rischio negli adolescenti, condotto da Silvia Scotti e Cosimo Gigante della cooperativa sociale Eidè. Protagonisti in scena gli studenti di diversi istituti superiori di Parma. A seguire, alle 15.00, la conversazione pubblica Pedagogie bianche e pedagogie nere con: Paolo Perticari, docente di Pedagogia all’Università di Bergamo; Salvatore Rizzo, assistente sociale, case manager di progetti personalizzati di riabilitazione e inserimento lavorativo di ex internati in ospedale psichiatrico e membro del collegio formatori della LUdE; Giusi Strummiello, ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Bari.

Venerdì 26 maggio la riflessione si concentra su Corpo operoso e corpo inutile. Questa volta si comincia alle 9.00 con i laboratori formativi, alle 11.45 in programma la lectio magistralis di Carlo Sini, professore di Filosofia teoretica all’Università di Milano e membro dell’Accademia dei Lincei. Alle 15.00 la conversazione pubblica Sguardi sui corpi… dal pensiero medico, economico, sociale con: Pier Luigi Celli, imprenditore, ex direttore della Rai e dell’Università Luiss di Roma, autore della lettera aperta su la Repubblica Figlio mio lascia questo paese; Giorgio Cosmacini, docente di Storia della medicina dell’Università Vita-Salute San Raffaele e della Statale di Milano; Emilio Vergani, formatore per i dirigenti dell’Amministrazione Penitenziaria, docente di Metodi e tecniche della progettazione sociale per l’ateneo LUMSA di Palermo e componente del collegio formatori della LUdE. Alle 19.00, per i “dintorni”, la presentazione del libro Dolceamaro di Roberta Buzzi, che racconta le ansie e la solitudine provata troppo a lungo dalla mamma di Totò, 4 anni, affetto da autismo, l’incapacità di parlarne apertamente persino con il marito, e poi la rinascita, la consapevolezza che Totò poteva fare (e ha fatto) passi da gigante.

Sabato 27 maggio l’ultima giornata del CantierEducare è dedicata al Corpo gioioso e corpo doloroso. Alle 9.00 apre le riflessioni la prolusione di Silvano Petrosino, docente di Semiotica all’Università Cattolica di Milano. Alle 10.15 gli studenti dell’Università di Parma offrono, insieme ai componenti della LUdE, una prima restituzione delle risposte pedagogiche elaborate all’interno del CE17. Alle 11.15 l’ultima conversazione pubblica, Per un’educazione in corpo. Intervengono: Michele Gagliardo, responsabile formazione nazionale di Libera, membro del collegio dei formatori della LUdE; Alba Giovanna Naccari, ricercatrice di Pedagogia all’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”, membro dell’International Dance Council – Unesco; Vincenza Pellegrino, professore di Politiche Sociali e Sociologia della Salute all’Università di Parma.
Durante il CE il Teatro Due ospiterà anche tre angoli informativi specialistici: l’info point dell’ANPE Associazione Nazionale Pedagogisti; uno spazio informativo sul Metodo Crispiani e sulla Motricità Finalizzata (23-24-26 maggio); l’info point sulle attività dell’Istituto di Psicoterapia sistemica integrata Idipsi e dell’Associazione Coinetica.

I LABORATORI
I laboratori formativi, gratuiti ma con iscrizione obbligatoria fino a esaurimento dei posti disponibili e che possono valere crediti formativi per insegnanti, assistenti sociali e studenti universitari (grazie alla collaborazione con Gruppo Abele, ente accreditato al MIUR per la formazione continua dei docenti, e con studio CEVAS, agenzia autorizzata dal Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali), sono rivolti a pedagogisti, educatori, insegnanti, psicologi, genitori, pediatri, assistenti sociali, formatori aziendali. L’obiettivo è accompagnare la conversazione tra i diversi saperi e far emergere nuove proposte educative da affidare agli esperti nelle conversazioni pubbliche del pomeriggio.

I laboratori di martedì 23 maggio, in programma dalle 10.15 alle 13.00, partono da una riflessione generale sul tema del corpo in educazione, affrontate dai cinque laboratori tematici:
  • il corpo “supporto di scrittura” (corpo vestito, denudato, velato, tatuato, nascosto, esibito);
  • il corpo politico (le ingerenze della politica sui corpi, dal dibattito sul fine vita ai matrimoni omosex);
  • il corpo religioso (il dialogo tra educazioni religiose e laiche a partire dalla corporeità);
  • il corpo, campo di formazione del soggetto (soggettività e assoggettamenti del corpo in società);
  • il corpo oggetto dei saperi (i saperi sul corpo e sull’educare a confronto).

I laboratori di mercoledì 24 maggio, dalle 10.15 alle 13.00, affrontano il tema del corpo curato e trascurato, in particolare:
  • il corpo nelle situazioni di gioco (protagonismo del corpo nel gioco, nello sport, nelle arti);
  • il corpo nelle situazioni di cura (valore pedagogico nelle pratiche estetiche o terapeutiche);
    • il corpo nelle situazioni costringenti (possibilità educative nelle carceri, nell’esercito, in società);
    • il corpo nelle situazioni “speciali” (analisi sul mondo della disabilità e delle pedagogie speciali);
    • il corpo nelle situazioni di apprendimento (marginalizzazione-educazione del corpo a scuola).

    I laboratori di giovedì 25 maggio, in programma dalle 10.15 alle 13.00, sono dedicati al tema del corpo amato o violato in educazione, più nello specifico a:
    • l’uso della forza e della dolcezza nelle pratiche educative (come educare tra bastonate e carezze);
    • il corpo in mezzo, tra culture comunitarie e vissuti individuali (tabù, mutilazioni, culture e individuo);
    • la gestione dei corpi nei contesti complessi (educare il corpo a spazi e contesti)
    • il corpo nelle dipendenze (tra annichilimento di sé e rideterminazione, a partire dal corpo)
    • il corpo nei sentimenti, tra dono e sacrificio (l’uso-abuso del corpo tra amore e vicende estreme).

    I laboratori di venerdì 26 maggio, in programma dalle 9.00 alle 11.30, partono dal tema del corpo operoso e inutile, in tutte le sue implicazioni educative, articolato nei microtemi:
    • il corpo, margine della dignità del lavoro (il valore educativo del lavoro, mezzo-giogo per il corpo);
    • educare quando ci facciamo più capaci e quando ci facciamo meno capaci (educare alla crescita e alla diminuzione delle abilità fisiche);
    • possibilità e insufficienze dei servizi impegnati nelle potenzialità del corpo (danza, svago, gioco);
    • possibilità e insufficienze dei servizi impegnati nelle fragilità del corpo (educare Vs assistenzialismo)
    • apprendimenti all’opera (il corpo che impara facendo).


lunedì 1 maggio 2017

LA TERRA DESOLATA



Festina Lente Teatro e Associazione Vagamonde
​vi invitano​
 
Domenica 7 maggio 2017, dalle 16 alle 18
Chiesa di San Quirino, Parma
LA TERRA DESOLATA
con Leyla Akgul, Maria Anusca, Nissrin Baradii, Fridous Benson, Hasna Belouad,
Olga Budistean, Pia Bizzi, Nuria Cabanas, Claudia D’Auria, Ilaria Donelli,
Sokhna Mariama Diakhate, Roberta Garulli, Alida Guatri, Polina Grusca,
Christiana Gnoukouri, Angela Marchetti, Enrica Mattavelli, Flora N'gbo, Glory Okojie,
Teresa Portesani, Elena Ricci, Simona Spaggiari, Patrizia Sivieri,
Silvia Tarasconi, Marta Toschi, Elena Vezzani
 
regia Andreina Garella
ambientazione Mario Fontanini
video installazione Migrabilia
Media Lab (CIAC Onlus)
a cura di​ Giovanna Poldi Allai
al piano Ailem Carvajal Gomez
foto Caterina Orzi
organizzazione Alida Guatri
ufficio stampa Raffaella Ilari
 
con il contributo di
Comune di Parma
Coop Alleanza 3.0
 
in collaborazione con 
Forum Solidarietà, Consorzio Solidarietà Sociale
con il Tavolo dell’accoglienza femminile 
e la rete di associazioni che si occupano di migrazione, inclusione e accoglienza
“Ma una cosa è certa: costruire muri al posto di ponti e chiudersi in stanze insonorizzate, non porterà altro che a una terra desolata, di separazione reciproca, che aggraverà soltanto i problemi” Zygmunt Bauman
 
I muri sono pesanti, sigillano, segregano, separano e nel proliferare di muri, barriere, reclusioni, in società tecnologicamente avanzatissime e psicologicamente fragilissime, diventa urgente riflettere sulle paure, sull’ignoranza e le ragioni che spingono a rinchiuderci/rinchiudere, separarci/separare, fermarci/fermare.
 A partire da queste riflessioni, così come da numerosi stimoli culturali offerti dal pensiero di Zygmunt Baumann, nasce “LA TERRA DESOLATA” il nuovo progetto teatrale di Festina Lente Teatro, regia Andreina Garella, ambientazione Mario Fontanini, realizzato con il contributo di Comune di Parma e Coop Alleanza 3.0, in collaborazione con Forum Solidarietà, Consorzio Solidarietà Sociale, con il Tavolo dell’accoglienza femminile (nato nell’ambito del Protocollo per la presa in carico delle vittime e potenziali vittime di tratta) e la rete di associazioni che si occupano di migrazione, inclusione e accoglienza.
 Il progetto nasce da un laboratorio teatrale, iniziato nel mese di febbraio e strutturato in una ventina di incontri, rivolto ad un gruppo di ventisette donne migranti, profughe, richiedenti asilo e native ora in scena: Leyla Akgul, Maria Anusca, Nissrin Baradii, Fridous Benson, Hasna Belouad, Olga Budistean, Pia Bizzi, Nuria Cabanas, Claudia D’Auria, Ilaria Donelli,Sokhna Mariama Diakhate, Roberta Garulli, Alida Guatri, Polina Grusca, Christiana Gnoukouri, Angela Marchetti, Enrica Mattavelli, Flora N'gbo, Glory Okojie, Teresa Portesani, Elena Ricci, Simona Spaggiari, Patrizia Sivieri, Silvia Tarasconi, Marta Toschi, Elena Vezzani; al piano Ailem Carvajal Gomez.
Donne che coraggiosamente si mettono in viaggio, a volte fuggono, arrivano in luoghi nuovi e diversi, desiderose di fare. Raccontano, aggiungono cultura a cultura, scambiano memoria con memoria: il teatro diventa scambio e incontro, il luogo dove poesia, parole ed emozioni si intrecciano e si sovrappongono in un viaggio attraverso le differenze di cultura e la comunanza dei sentimenti, creando un tessuto di emozioni e di sapienza. Uno strumento per superare le differenze culturali, senza cancellarle e favorire relazioni nuove e inedite.
La rappresentazione è strutturata come una sorta di visita-spettacolo, un percorso attraverso lo spazio dove, in alcuni punti, si svolgeranno, in contemporanea, diverse azioni teatrali, che si ripetono ininterrottamente. Gli spettatori, così come i visitatori di una mostra, possono scegliere liberamente il proprio tragitto e le ‘stazioni' in cui soffermarsi.
Parte integrante è la video installazione realizzata da Migrabilia, un laboratorio, composto da ragazzi, richiedenti asilo e rifugiati di CIAC Onlus - Parma, condotto da Giovanna Poldi Allai.
Sono ormai 14 anni che Festina Lente Teatro, in collaborazione con Vagamonde, porta avanti un’articolata esperienza teatrale, rivolta a donne migranti e native, nella quale si è sviluppato uno scambio creativo fra diverse culture: un teatro portatore di pari opportunità, uno strumento privilegiato di educazione e di integrazione sociale. In questi anni hanno indagato temi quali il viaggio migratorio, le diverse forme di discriminazione ed esclusione sociale, i diritti sanciti e quelli negati, la violenza di genere. 
 
 

lunedì 3 aprile 2017

5X1000 - Sostieni l'associazione Vagamonde

Un piccolo gesto per NOI così importante:

Dona il tuo 5x1000 all’Associazione Vagamonde cf.92120960346

14 anni di lavoro sociale a Parma

Ogni anno progettiamo e realizziamo progetti sociali rivolti a donne del nostro territorio e provenienti da tutto il mondo.



Come fare:


1. Compila la scheda CU, Modello 730 o Unico

2. Firma nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale” (il primo a sinistra nella scheda)

3. Indica nel riquadro il nostro codice fiscale: 92120960346


Per chi non è tenuto a presentare la dichiarazione:


1. Compila la scheda CU

2. Inserisci in busta chiusa e intesta a: Destinazione 5x1000 IRPEF, Tuo Nome e Cognome, Tuo Codice Fiscale

3. Consegna gratis presso: uffici postali, sportelli bancari o intermediari abilitati


La destinazione del 5 per mille non modifica l’ammontare dell’imposta.

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille (Legge 222/1985) sono tra loro indipendenti.

sabato 4 marzo 2017

L'Associazione Vagamonde aderisce a LOTTO MARZO



La marea continua a crescere
ora siamo più di 48 Paesi in tutto il mondo
che l'8 marzo incroceranno le braccia 
per dire NO alla violenza contro le donne.

#Nonunadimeno      #LottoMarzo      #Saremomarea

martedì 31 gennaio 2017

L'Associazione Vagamonde aderisce al One Billion Rising 2017



14 febbraio 2017
Piazza Garibaldi
alle ore 18:00

L'Associazione Vagamonde aderisce anche quest'anno al 
      ONE BILLION RISING
l'evento mondiale contro la violenza su donne e bambine        

Quest’anno la parola d’ordine è SOLIDARIETÀ:
solidarietà 
      CONTRO LO SFRUTTAMENTO delle donne
solidarietà 
      CONTRO IL RAZZISMO E IL SESSISMO
ancora presente in tutto il mondo

lunedì 9 gennaio 2017

A tavola con le Vagamonde




Il 2016 è stato l'anno con più muri nella storia dell'umanità.
Attraverso il nostro progetto sentiamo l'urgenza di riflettere sulle paure,
sull'ignoranza e le ragioni che ci spingono a rinchiuderci/rinchiudere,
separarci/separare, fermarci/fermare.

Cena di raccolta fondi per il nuovo progetto teatrale
di Festina Lente Teatro e Vagamonde

Domenica 29 gennaio 2017 ore 20.00
Circolo Aquila Longhi
vicolo Santa Maria 1/A

Per info e prenotazioni telefoniche anche via sms 
tel. 3396898773

Abbiamo bisogno del vostro sostegno! Non mancate!